h-header

editoriale

L'editoriale

Popillia japonica

31 Luglio 2021
Marcello Fumagalli

Non contenti della pandemia da Coronavirus proveniente dalle contrade del “Catai”, ci siamo ritrovati, senza che ce ne accorgessimo, con un’altra “piaga” da Apocalisse.

Il nuovo “morbo” assomiglia molto ad uno dei sette sigilli biblici, alla quinta tromba che preannunciava l’arrivo delle voraci cavallette. Il coleottero, simile ad una coccinella e dal nome esotico, è il parassita causa della nostra preoccupazione. Frutteti, giardini e fiori sono messi a dura prova dall’infernale polifagia dello “scarabeo giapponese” che dalla lontana isola di Hokkaido è giunto fino a noi per deturpare quanto ci può essere di più bello in un frutto piuttosto che in un fiore.

Ecco cosa significa globalizzazione! Infatti tutto è accaduto perchè due esemplari “clandestini”, saliti alla chetichella su un aereo, si sono ritrovati catapultati …. guarda caso ….. nel parco del fiume Ticino che scorre a pochi chilometri dalle piste di atterraggio.

Da noi “gli alieni” hanno trovato l’America ….. come si suol dire ….. e qualche buon tempone pretende di combatterli con palliativi immaginando di usufruire di “insetto psicologi” che possano alleviare il disagio al vorace mostro provocato dalla lontananza dalla terra d’origine.

Lo stress conseguente al “malessere” lo porta a procreare per disperazione e mangiare bulimicamente.

I danni di questa invasione sono quantificabili in milioni di euro e tutto per l’ennesimo “trojan” che la globalizzazione ci ha rifilato.

Il loro ciclo inizia con un’orgia satanica con accoppiamenti frammisti e una “panspermia” sfociante in un deposito di centinaia di uova che la femmina lascia nel terreno. E’ da qui che inizia l’invasione che nell’arco di pochi giorni trasforma l’orto piuttosto che il rosaio in un baccanale che durerà fino alla fine del mese di settembre.

Nel frattempo gli hobbisti dell’orto, i cultori dei fiori e gli agricoltori piangono di fronte alla maledizione a loro capitata.

Prepariamoci con le giuste armi …. green weapons…. non so se saranno sufficienti …… forse dovremo pretendere un “green pass” per fermare l’invasione silente di clandestini.

Appena sarà possibile disinfetterò il terreno con qualche bel prodotto chimico capace di sterilizzare e di concimare nel medesimo istante.

Ultime news! In Amazon ho trovato uno strumento meraviglioso per le zanzare…..! Lo strumento mi permette di esercitarmi con la racchetta e nello stesso tempo di fornire agli insetti volanti una morte onorevole …….. sulla sedia elettrica!

libri

Gratis l'ebook

book15annieditoriali 

Scarica qui l'e-book della raccolta "Quindici anni di vita associativa attraverso gli editoriali"

Semplicisti & Stillatori

librosempstill 

Scarica qui gratuitamente il libro "Semplicisti & Stillatori - L'arte degli aromatari volgarmente detti Speziali"

slider-banner

h-footer